Oltre 180 i soldati originari di Villa Minozzo periti nella grande guerra

Il monumento ai caduti in piazza della Pace a Villa Minozzo“Nel centunesimo anniversario della fine della ‘grande guerra’, avvenuta nel novembre del 1918, ricordiamo i nostri caduti, e i caduti villaminozzesi di tutte le guerre, per cui la nostra terra ha sparso tanto sangue e molto sofferto”: il sindaco Elio Ivo Sassi sottolinea il significato profondo della commemorazione che si tiene domenica 3 novembre alle 12.15, in piazza della Pace, alla presenza delle autorità locali, con un omaggio floreale al monumento che rievoca le vittime dei due conflitti mondiali.

“Furono centottantadue i soldati di Villa Minozzo periti nella prima guerra mondiale - rileva il primo cittadino - con il maggior numero di vittime tra i comuni della montagna reggiana. E’ una pagina della nostra storia da non dimenticare, come non lo è quella dell’ultimo conflitto, per cui il nostro territorio è stato insignito della medaglia d’argento al valor militare”. La celebrazione è indetta dal Comune in collaborazione con l’Unione montana, le associazioni partigiane Alpi-Apc ed Anpi, Istoreco, Museo della repubblica di Montefiorino, associazione Villacultura, Croce verde e i gruppi locali delle associazioni degli alpini e dei carabinieri.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Conosco Villa Minozzo per averci fatto il campo nel 1976 quando facevo il militare. Onore ai Caduti!

    Marco Pasquali

    Rispondi
  2. Constatare che Villa Minozzo ha perso cosi tanti giovani, per la brama di potere di pochi, che si sono fatti scudo con gli ideali di patria per perseguire i propri scopi, fa veramente male al cuore.
    Giustissimo commemorarli e portarli nel cuore, ma senza dimenticare che, spesso, dietro l’ideale della Patria della liberta’ etc, etc c’è semplicemente la malvagità dell’uomo che prevarica e sfrutta l’ignoranza altrui.

    Ivano Pioppi

    Rispondi
  3. Grande Ivano Pioppi! Finalmente qualcuno che va oltre la superficie. La grande guerra del 1915/18è da annoversarsi tra i genocidi del secolo passato!

    Andrea

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48